Le vacanze sono agli sgoccioli, ma non per tutti. Sebbene il mese di agosto stia volgendo al termine e molti di noi siano rientrati al lavoro, c’è ancora chi deve godersi le proprie meritate ferie o non ha smesso di organizzare delle gite all’aperto nel week end.

Nel periodo estivo è sempre piacevole allontanarsi dal caos della città ed immergersi nel verde della natura. Può capitare però che durante un pic nic in campagna, una passeggiata in montagna o al parco, oppure mentre siamo comodamente sdraiati su un lettino in piscina, veniamo punti da un’ape o da una vespa.
Nell’arco della vita 9 persone su 10 vivono almeno una volta questa “sventura”. La sensazione, si sa, è tutt’altro che piacevole.

Che cosa fare nel caso in cui un’ape o una vespa ci pungano?
Quando un’ape o una vespa ci pungono, la prima cosa da fare è estrarre più velocemente possibile il pungiglione. Per farlo è raccomandabile servirsi dell’aiuto di una pinzetta o di un’unghia. Intervenire tempestivamente può ridurre la quantità di veleno che entrerà in circolo all’interno del nostro corpo.
Per alleviare il dolore, se non abbiamo con noi specifiche pomate, possiamo appoggiare sulla zona interessata dalla puntura del ghiaccio o qualsiasi altro oggetto particolarmente freddo, come per esempio una lattina.

Nonostante 1 sola persona su 100 sia allergica al veleno degli imenotteri, rivolgersi al medico o recarsi al pronto soccorso è sempre raccomandabile in caso di puntura, soprattutto se gli insetti hanno colpito dei bambini.
Senza dubbio, se nelle ore successive alla puntura avvertiamo sintomi gravi come vertigini, nausea, vomito, dolori addominali, mancanza di respiro, contattare il 118 è indispensabile.

Come prevenire le punture di api e vespe?
Per diminuire le possibilità di essere punti da api, vespe o calabroni, è possibile seguire poche regole. L’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma ha pubblicato un vademecum per aiutarci a capire come dobbiamo comportarci nel caso veniamo punti (vedi link) e cosa fare per evitarne il rischio (vedi infografica sotto).

punture insetto consigli
Punture d’insetto, 10 consigli per prevenirle

Scegliere di non indossare vestiti particolarmente colorati o profumi molto dolci e fruttati potrebbe essere di grande aiuto. Se sulla pelle applichiamo delle lozioni ad azione repellente possiamo ridurre ulteriormente la possibilità di puntura. Allo stesso modo, se stiamo mangiando all’aperto, è importante rimuovere in fretta gli scarti di cibo dai piatti e dal tavolo, così come fare in modo che il viso del nostro bambino sia sempre pulito da residui di cibo. Gli insetti sono attratti da cibi e bevande zuccherate, per evitare si avvicinino troppo, con il rischio che ci pungano, è utile non lasciare i piatti da portata scoperti.

Photo: unsplash-logoMatt Quinn

Leave a comment

daDA Miele Società Semplice Agricola
strada Moncalvo 7
10020 Casalborgone (TO)
tel. 333-1000418
E-mail: info@dadamiele.it

Home       Blog         Contatti

daDA Miele S.S.Agricola P.Iva 11745870011 © 2018. | Honey Packaging Design by BSide Arts